LA VITA E' UN ARCO TESO

Mario è diventato assassino perché tradito e ha ucciso ancora per un raptus.. la sua seconda vittima lo cerca nelle notti buie. E’ tormentato e continuare a fuggire è un atto che non può far a meno di compiere. Cerca il riscatto per un rimorso che lo attanaglia come un cane rabbioso. Fuggirà fino alla fine dei binari fino alla fine della terra. Li in un paese che si abbevera al mare farà il pescatore vivendo da eremita fino a quando, attratto dal profumo d’Africa non trovi quella metà come destino di una nuova vita. Parte con la sua piccola barca e dopo due giorni di navigazione approda in Algeria. Sarà Tuareg nell’immenso atlante algerino dove conoscerà storie di repressioni francesi e riscatto di eroi nati nel deserto.

Ma la voglia di mare è ancora troppo forte, decide di rivedere il mare… ma proprio mentre al bazar sta riabbracciando la vita e il sorriso, un auto bomba scoppiando lo ferisce. Si sveglia in ospedale con in mente l’idea del riscatto per la sua coscienza… fare qualcosa per quel popolo oppresso. Quella determinazione rimane sopita fino a quando non viene contattato dall’organizzazione segreta “Fronte di Liberazione Algerino” che lo invita a ritornare in Italia con una lettera da consegnare ai giornali italiani. Mario decide che è tempo di pagare per le sue colpe e aiutare così quel popolo del deserto. Si costituirà al capo della polizia italiana a condizione che possa consegnare a politici e giornalisti una lettera di supplica del fronte di liberazione algerino… condurrà i suoi prossimi 25 anni in carcere sperando di non morirvi perché ha una tomba da accudire...

 
L'arco teso

Home page Indietro Brani del libro